Come capire se lo smartphone ha un virus

In Antivirus 48 views

Ultimamente stai notando il tuo smartphone si comporta in modo molto strano. Quando avvii un’applicazione, per esempio, il cellulare si blocca di continuo e questo ti costringe a frequenti riavvi. La batteria risente molto di questo improvviso cambiamento e ormai, a causa di questo problema, il tuo cellulare è scarico prima che arrivi la fine della giornata. Non ti era mai successo prima d’ora e non hai quindi la più pallida idea di cosa accada al tuo povero amico tecnologico. A causa di tutti questi problemi l’utilizzo quotidiano dello smartphone è diventato piuttosto limitante. Vorresti quindi capire qual è l’origine del problema: il tuo smartphone ha un virus o, semplicemente, sta esalando l’ultimo respiro per colpa della “vecchiaia”?

Come dici? I sintomi del paziente tecnologico sono effettivamente quelli che ho descritto? In questo caso a è possibile che si tratti di un malware; purtroppo può capitare, specialmente nel caso di dispositivi con sistema operativo Android. Il caso è diverso, se si parla invece di un dispositivo iOS; se non è stato effettuato il jailbreak, è molto più difficile che il sistema operativo Apple sia stato soggetto di un attacco da parte di malware.

Ad ogni modo ciò che ti fornirò in questa mia guida, saranno consigli di carattere generali che potrai mettere in pratica per capire se lo smartphone ha un virus. Ti fornirò anche suggerimenti molto utili su come potrai proteggere il suo dispositivo per impedire successivi attacchi. Sono sicuro che, se ti metterai d’impegno e leggerai con attenzione questo mio tutorial, riuscirai a debellare l’eventuale minaccia che ha attaccato il tuo smartphone. Sei pronto per iniziare? Sì? Benissimo! Ti auguro una buona lettura.

Indice:

Verifica le app installate sul tuo smartphone

Quando un virus infetta uno smartphone, i suoi effetti sono quasi sempre immediati. Se il tuo dispositivo è affetto da uno dei sintomi che ti ho indicato, la prima cosa che puoi fare è valutare se l’infezione sia stata magari causata da un’app recentemente installata. Quello che dovrai fare è quindi entrare nel registro delle applicazioni scaricate e installate sul tuo dispositivo e verificare che non ci siano app che ritieni di non aver mai installato personalmente.

Sui dispositivi Android, ti basta semplicemente aprire le Impostazioni (icona con il simbolo dell’ingranaggio) e selezionare la voce App e notifiche. Nella schermata successiva fai tap poi su Mostra tutte le app, così da vedere l’intero elenco di app installate sul tuo smartphone.

Se dovessi notare un’app sospetta, fai tap su di essa e poi fai tap su Termina e poi su Disinstalla. Se identifichi un’app che non conosci, effettua anche una ricerca sul motore di ricerca da te preferito, per avere maggiori informazioni al riguardo.

In generale inoltre, parlando di app è opportuno verificare che sia attivo il servizio Google Play Protect: questo ti la protezione in tempo reale sulle app installate sul tuo dispositivo e su quelle presenti nel PlayStore di Android.

Puoi verificare che tale impostazione sia attiva sul tuo smartphone Android aprendo il Google Play Store (icona di un triangolo colorato capovolto) e facendo tap sul simbolo del menu . Scorri le voci fino a identificare la voce Play Protect, facendo tap su di essa. La voce Cerca minacce alla sicurezza dovrà essere attivata; facoltativamente potrai anche attivare la voce Migliora rilevamento app dannose.

Inoltre ricorda di non scaricare le app da fonti non attendibili, ovvero quelle diverse dal PlayStore. A questo proposito, puoi verificare che l’installazione da fonti sconosciute sia disattivata recandoti nelle Impostazioni (icona di un ingranaggio) e facendo tap su App e notifiche > Avanzate > Accesso speciale alle app > Installa App sconosciute. Verifica che per ogni app indicata nell’elenco, sotto ognuna di essa ci sia la dicitura Non consentita. In caso contrario, fai tap sull’app indicante diversa dicitura e, nella schermata successiva, disattiva la voce Consenti da questa fonte.

iOS è invece un sistema più “chiuso”, quindi non dovrebbe esserci alcun rischio di installazione di app da terze parti scaricate da fonti non attendibili diverse dall’App Store. In ogni caso, per verificare le app installate, fai tap su Impostazioni > Generali > Spazio libero iPhone. Visiona l’elenco di app e, se ne identifichi qualcuna sospetta, fai tap su di essa e poi fai tap su Elimina app.

Verifica le app che possiedono i permessi di amministrazione

I permessi di amministrazione sono spesso utilizzati da applicazioni parent control o dagli antivirus. Spesso però accade che alcune app malevoli richiedano di aver accesso a tali permessi. Si tratta di una questione rischiosa, visto che questo gli permette di agire indisturbati, magari disabilitando persino la possibilità della loro disinstallazione.

Su Android, puoi visualizzare l’elenco delle app che possiedono tali privilegi accedendo alla sezione Amministrazione dispositivo. Fai tap su Impostazioni (icona di un ingranaggio) e fai tap sulla voce Sicurezza e posizione. Scorri l’elenco e fai tap sulla voce App di amministrazione dispositivo. Ti apparirà quindi un elenco di app che richiedono i permessi di amministrazione. Se dovessi visualizzare un’app sospetta con la casella adiacente attiva, togli la spunta su questa casella e procedi alla disinstallazione, così come ti ho spiegato nei paragrafi precedenti.

Su iPhone, invece, non c’è rischio che un’app o un virus possa avere questo genere di privilegi. Può però capitare che, tramite altre app, i virus riescano a sfruttare vie indirette per intercettare le informazioni trasmesse tramite internet (come ad esempio i dati della tua carta di credito inseriti durante un pagamento).

Per questo motivo, agendo dal suo smartphone iOS, recati su Impostazioni (icona di un ingranaggio) e fai tap su Generali. Scorri l’elenco e fai tap su VPN. Cancella quindi i dati che reputi sospetti oppure, in alternativa, resetta le impostazioni di rete. Vai quindi in Impostazioni (icona di un ingranaggio) e fai tap su Generali. Scorri la lista di voci fino a raggiungere quella denominata Ripristina. Fai tap su di essa e poi fai tap su Ripristina impostazioni rete.

Capitolo a parte invece per i dispositivi, sia Android che iOS, con root o jailbreak. In questo caso, la possibilità di essere esposti a virus di qualsiasi tipo è alta, anche sugli iPhone. Ti consiglio quindi di non effettuare questa pratica sul tuo dispositivo. Se desideri approfondire l’argomento, ti consiglio di consultare la guida come levare il jailbreak per iOS oppure la FAQ dell’articolo come effettuare il root su Android per rimuovere il root da Android.

Verifica il consumo del traffico dati

Se il tuo smartphone è stato infettato e, per esempio, si tratta di uno spyware, questo effettuerà l’accesso a internet per trasmettere i tuoi dati personali, come password salvate o schermate dello schermo.

A tal proposito, puoi visionare il consumo del traffico dati sul tuo smartphone Android, accedendo alle Impostazioni (icona di un ingranaggio) e facendo tap sulla voce Rete e Internet. Fai tap poi su Utilizzo dati e poi fai tap su Utilizzo dati mobili o Utilizzo dei dati Wi-Fi. Le due sezioni ti mostreranno rispettivamente i consumi del traffico dati sotto rete mobile e i consumi sotto rete Wi-Fi. Potrai visualizzare quindi un grafico dettagliato e un elenco che ti mostrerà tutte le app che hanno trasmesso dati, accedendo a internet.

Se riscontri qualche app sospetta, fai tap sul suo nome per entrare nella sezione Utilizzo dati dell’app e poi fai di nuovo tap sul suo nome. In questo modo entrerai nella sezione di disinstallazione dell’app. Fai tap quindi su Termina e poi su Disinstalla, per confermare l’eliminazione dell’app sospetta.

Su iPhone, invece, fai tap su Impostazioni (icona di un ingranaggio) e poi fai tap su Cellulare. Scorri quindi verso il basso per visualizzare la lista di app installate che eseguono l’accesso a internet e il numero di byte da loro utilizzati fino a questo momento. Se vuoi puoi bloccare l’accesso di un app a internet spostando la levetta a fianco da destra a sinistra.

Verifica se la batteria ha dei consumi esagerati

Un effetto causato da alcuni virus sugli smartphone è il consumo anomalo della batteria. Alcuni virus, come per esempio i miner di criptovaluta, sono sempre attivi, causando un esagerato utilizzo del processore del tuo dispositivo, che si converte in una durata ridotta della carica della batteria.

Verifica quindi i consumi recenti della batteria. Su Android, fai tap su Impostazioni (icona di un ingranaggio) e seleziona la voce Batteria. Si aprirà una schermata che ti visualizzerà un grafico sui consumi della batteria dall’ultima ricarica effettuata. Scorrendo più in basso, potrai visualizzare l’elenco delle app e dei servizi che hanno utilizzato maggiormente la batteria del tuo dispositivo, così da poter valutare la presenza di eventuali app sospette.

Non è detto però che un consumo anomalo della batteria sia necessariamente da ricondurre ad un virus. La durata della batteria potrebbe dipendere dall’uso che fai del tuo dispositivo (ad esempio sei sempre in chiamata oppure tieni spesso il display acceso) oppure dalle app che hai installato (ad esempio ti intrattieni con videogiochi oppure utilizzi spesso un’app di social network).

Se invece possiedi un iPhone, puoi verificare in modo altrettanto semplice gli eventuli consumi anomali della batteria. Recati nelle Impostazioni (app con l’icona di un ingranaggio) e fai tap sulla voce Batteria. In questa schermata, scorrendo, poi giungere alla sezione Utilizzo batteria, che ti mostrerà l’elenco di app che consumano la carica della batteria del tuo iPhone. I dati possono essere organizzati secondo le ultime 24 ore di utilizzo o secondo gli ultimi 7 giorni. Facendo tap sull’elenco, potrai anche visualizzare gli effettivi minuti di consumo di batteria, con l’indicazione della dicitura In uso e In background.

Verifica il credito residuo disponibile sulla tua SIM

Se il virus che ha infettato il tuo dispositivo è un dialer, probabilmente avrà attivato dei servizi a pagamento sulla tua SIM. Conseguentemente a ciò, il tuo credito verrà ridotto per servizi da te mai richiesti. Questo tipo di virus si attiva solitamente a causa di un link malevolo aperto dal browser del tuo smartphone.

Se riscontri un problema simile a quello appena spiegato, contatta il tuo operatore telefonico e chiedi che ti vengano rimborsati tutti i costi derivati da servizi a pagamento da te mai richiesti. Eventualmente verifica se è possibile richiede sulla tua SIM un blocco preventivo di qualsiasi servizio a pagamento.

Per contattare il gestore di telefonia della tua SIM, puoi far riferimento agli articoli come parlare con un operatore TIMcome contattare operatore Vodafonecome parlare con un operatore Wind e come parlare con un operatore 3

Per verificare il credito residuo, consulta invece i miei articoli come conoscere credito TIMcome sapere credito Vodafonecome guardare il credito Wind e come si vede credito Tre.

Altri consigli utili

Oltre ai consigli che ti ho suggerito nei paragrafi precedenti, puoi pensare anche di installare un’app antivirus sul tuo smartphone. A questo proposito, per approfondire l’argomento, ti suggerisco di consultare il mio articolo come eliminare virus Android.

Se nonostante le indicazioni da me fornite, non riesci a ripristinare il tuo smartphone, allora dovrai proseguire con un reset alle impostazioni di fabbrica. Ti consiglio quindi di consultare le mie guide come formattare Android e come formattare iPhone per capire come procedere senza errori.

author
Author: 
    Come fare una scansione antivirus online
    Come fare una scansione antivirus online
    Hai scaricato un programma “sospetto” da Internet
    Hitman Pro
    Hitman Pro
    Hitman Pro
    Come bloccare miner per criptovalute nei browser
    Come bloccare miner per criptovalute nei browser
    Le criptovalute sono la moda del momento:
    VoodooShield
    VoodooShield
    VoodooShield è un particolarissimo antivirus creato per

    Leave a reply "Come capire se lo smartphone ha un virus"

    Must read×

    Top
    %d bloggers like this: