Come rintracciare un telefono spento

In Altro su Cellulari 31 views

Sei uscito per una piacevole scampagnata con i tuoi amici e, al ritorno, ti sei reso conto che nella tasca dove di solito tieni lo smartphone non c’era più nulla. Come se ciò non bastasse, adesso il telefono risulta spento e, improvvisamente, ti ritrovi proiettato verso il futuro pensando a quanti soldi dovrai spendere per acquistare un nuovo device. Non disperare ancora! Credo proprio di poterti spiegare come rintracciare un telefono spento sfruttando alcune particolari funzionalità e app che sono disponibili su quasi tutti gli smartphone.

Prima di iniziare, voglio subito dirti che un dispositivo spento non è in grado di emettere alcun tipo di segnale (né GPS, né rete cellulare, né Wi-Fi), ma può essere localizzato combinando insieme tutti i segnali di localizzazione emessi in precedenza, per ottenere una posizione relativamente precisa e acquisita subito prima dello spegnimento. Questa tecnica si chiama triangolazione, viene sfruttata dalle app di localizzazione più conosciute e di norma già presenti sugli smartphone di ultima generazione, ed è praticamente fondamentale per ritrovare con buon margine di sicurezza smartphone e altri dispositivi dotati di GPS, antenna Wi-Fi, segnale cellulare e/o Bluetooth.

Se sei finito qui è perché probabilmente hai già perso il tuo smartphone e, anche se così non fosse, ti consiglio di approfondire comunque questa lettura per non ritrovarti impreparato nel caso dovesse succederti in futuro. Non perdere subito le speranze di ritrovare il tuo cellulare ma siediti tranquillo, prenditi qualche minuto del tuo tempo e impara a rintracciare un cellulare spento. Certo, non posso garantirti l’assoluta infallibilità di queste tecniche, ma posso affermare con certezza che, seguendo il prima possibile i miei consigli, potresti giungere a risultati inaspettati o addirittura ritrovare in breve tempo il tuo smartphone, specie se l’hai smarrito! Detto ciò, non mi resta che augurarti buona ricerca e farti un grosso in bocca al lupo!

Indice

Come rintracciare Android spento

Come rintracciare Android spento

Possiedi un telefono Android che non vedi l’ora di ritrovare? Questa è la parte di guida che fa al caso tuo: di seguito ti spiegherò come provare a rintracciare un telefono Android spento sfruttando Android Device Manager e il servizio Find My Device (Trova il mio dispositivo), il “localizzatore” incluso di serie negli smartphone dotati del sistema operativo di Google. Ti avviso sin da subito che, affinché la localizzazione vada a buon fine, il tuo telefono deve essere già predisposto per il rilevamento dell’ultima posizione nota.

Operazioni preliminari

Impostazioni Android

La prima cosa che devi fare è attivare la geolocalizzazione sul telefono, così da consentire il rilevamento dell’ultima posizione nota. In questa fase puoi attivare anche la triangolazione, al fine di migliorare la precisione nel rilevamento, tenendo comunque ben presente che questa modalità potrebbe aumentare il consumo della batteria: un piccolo compromesso a cui bisogna scendere in nome della sicurezza!

Per procedere e attivare la localizzazione di Android, apri la schermata del tuo dispositivo che contiene tutte le app installate, fai tap sull’icona Impostazioni, poi sulla voce Geolocalizzazione e sposta su ON l’interruttore che trovi in alto a destra. Attiva ora la triangolazione sfiorando la voce Modalità, impostando il segno di spunta sulla casella Alta precisione e infine pigiando il pulsante Accetto.

Per finire torna alla lista app di Android, pigia sull’icona Impostazioni Google, poi sulle voci SicurezzaTrova il mio dispositivo, e sposta su Attiva l’interruttore che trovi in alto a destra. Se non trovi “Impostazioni Google” nella lista delle app installate sul device, recati in Impostazioni e seleziona la voce Google dal menu che si apre.

Nota: se non hai ancora configurato un account Google sul tuo device, vai nel menu Impostazioni > Account, pigia sulla voce Aggiungi account, seleziona il logo di Google e scegli se configurare un account già esistente o crearne uno nuovo. Se ti serve una mano per creare un account Google, consulta la guida che ho dedicato all’argomento.

Rintracciare telefono Android spento

Google Trova il mio dispositivo

È finalmente arrivato il momento di rintracciare il tuo telefono sfruttando l’ultima posizione nota rilevata dallo smartphone! Per farlo, apri un browser da qualsiasi computer, collegati al sito Internet Trova il mio dispositivo, inserisci nella casella preposta l’indirizzo Gmail configurato sul telefono da rintracciare, clicca sul pulsante blu Avanti, poi inserisci la password e clicca sul pulsante blu Accedi.

Clicca ora sul pulsante verde Accetta e attendi che il servizio ti mostri sulla mappa l’ultima posizione rilevata, la cui data è visualizzata alla voce Ultimo rilevamento, che puoi trovare subito sotto il nome del tuo dispositivo, nella parte sinistra della finestra.

Qualora il tuo dispositivo risultasse invece acceso, puoi bloccarlo (visualizzando un messaggio e un numero di telefono da contattare per la restituzione) oppure resettarlo completamente, usando gli appositi pulsanti e seguendo le semplici istruzioni a schermo. Tieni presente, però, che resettando il telefono non avrai più la possibilità di procedere a futuri rilevamenti di posizione.

Se non hai a disposizione un computer, puoi ottenere lo stesso risultato sfruttando l’app Find My Device (Trova dispositivo) scaricabile da Google Play: installa l’app come di consueto, apri la lista delle applicazioni installate sul tuo dispositivo e sfiora l’icona Trova Dispositivo. Fatto ciò, pigia sul pulsante verde Accedi come ospite, inserisci nella casella preposta l’indirizzo Gmail configurato sul telefono spento, pigia sul pulsante blu Avanti, poi digita la password e fai tap sul pulsante Accedi.

Attendi il caricamento della mappa per visualizzare l’ultima posizione rilevata e la data di rilevazione e, se il telefono dovesse essere acceso, usa i pulsanti BloccaResetta per bloccare il tuo dispositivo o eliminare tutti i dati presenti (in quest’ultimo caso, non sarà più possibile procedere a rilevamenti futuri).

Trova il mio dispositivo - App Android

Quella che ti ho appena illustrato è la soluzione “di serie” inclusa in Android, ma esistono anche altre app che possono fare al caso tuo: questo tipo di app prende il nome di app antifurto, e la più conosciuta per Android è senz’altro Cerberus.

Qualora non ne avessi mai sentito parlare, Cerberus è una delle app più complete della sua categoria che, oltre alle funzionalità di localizzazione, blocco e ripristino del telefono, permette di scattare foto a comando, riattivare il GPS qualora venisse disattivato e addirittura di ingannare gli eventuali malintenzionati mostrando una finta schermata di spegnimento (così che questi lascino acceso il telefono senza saperlo, e ne permettano la localizzazione in tempo reale). Come dici? Questa soluzione ti interessa, e non poco? Ti invito allora a consultare la mia guida su come rintracciare cellulare Android, in cui te ne ho parlato nel dettaglio.

Come rintracciare iPhone spento

Come rintracciare iPhone spento

Hai smarrito il tuo iPhone e non sai come fare a ritrovarlo? Non preoccuparti, esattamente come per Android, esiste una soluzione gratuita messa a disposizione da Apple: si tratta di Trova il mio iPhone, funzionalità che combina i sistemi di localizzazione offerti dall’iPhone con l’account iCloud, al fine di ottenere l’ultima posizione rilevata dal telefono prima che questo possa essere spento.

Se hai configurato iCloud sul tuo iPhone seguendo l’apposita procedura guidata prima di smarrire lo smartphone, ci sono ottime probabilità che tu riesca a localizzarlo sfruttando il servizio messo a disposizione da Apple. Anche se ti trovi qui e non hai ancora perso il tuo melafonino, ti consiglio comunque di seguire la procedura illustrata di seguito per predisporlo alla localizzazione automatica in caso di smarrimento e spegnimento!

Operazioni preliminari

iOS - Schermata Trova il mio iPhone

Per configurare Trova il mio iPhone, la prima cosa che devi fare è attivare l’omonimo servizio sul tuo cellulare: fai tap sull’icona Impostazioni, sfiora la voce che mostra il tuo nome, poi le voci iCloudTrova il mio iPhone, e sposta su ON gli interruttori Trova il mio iPhoneInvia ultima posizione. Quest’ultimo, in particolare, permette di inviare l’ultima posizione rilevata qualora la batteria si stia scaricando.

La configurazione è terminata: da questo momento in poi il tuo iPhone invierà periodicamente la posizione a iCloud, e lo farà in automatico anche quando la carica della batteria raggiunge livelli estremamente bassi (ottima precauzione da prendere per il caso in cui tu smarrissi il tuo iPhone, e questo si spegnesse da solo per via della batteria scarica).

Nota: nel caso in cui non avessi ancora configurato un account iCloud sul tuo iPhone, recati nel menu Impostazioni di iOS, pigia sul pulsante per accedere e immetti i tuoi dati o crea un nuovo account. Per maggiori informazioni sulla procedura, leggi il mio tutorial su come attivare iCloud su iPhone.

Rintracciare un iPhone spento

Trova il mio iPhone - Browser

Se “Trova il mio iPhone” è correttamente configurato sul melafonino da localizzare, procedere è davvero molto semplice: ti basteranno un browser (su qualsiasi dispositivo) e il tuo ID Apple per visualizzare la posizione del tuo iPhone spento, a patto che l’ultima localizzazione sia avvenuta durante le ultime 24 ore.

Per procedere, collegati al sito Internet di iCloud, digita le credenziali del tuo ID Apple e clicca sulla freccia verso destra che trovi nel campo password. Se hai impostato l’autenticazione a due fattori, inserisci il secondo codice quando richiesto e, se necessario, imposta la lingua e il fuso orario.

A questo punto, fai clic sull’icona Trova iPhone, reinserisci la password del tuo ID Apple e clicca sulla voce Accedi che trovi in basso. Attendi che il servizio esegua la localizzazione, poi fai clic sulla voce Tutti i dispositivi che trovi in alto al centro, e seleziona l’iPhone che desideri localizzare, facendo attenzione al colore del cerchietto che trovi di fianco all’icona: se questo è grigio, l’iPhone è spento e stai visualizzando l’ultima posizione rilevata nelle precedenti 24 ore, se invece è verde allora l’iPhone è acceso e ne stai visualizzando la posizione corrente.

Se vuoi, puoi anche attivare la Modalità smarrito per lasciare un messaggio a chi riaccenderà l’iPhone, ricevere una notifica nel momento in cui questo viene acceso, e consentirne lo sblocco solo tramite codice personale: clicca sull’icona Modalità smarrito, inserisci se vuoi il numero di telefono su cui ricontattarti nella casella preposta,  clicca sulla voce Avanti, scrivi nella seconda casella, sempre se vuoi, un messaggio da destinare a chi riaccenderà l’iPhone e poi clicca su Fine.

Ora, per ricevere un avviso tramite email quando l’iPhone verrà riacceso, apponi il segno di spunta sulla casella Avvisami quando ritrovato. Infine, se l’iPhone è acceso, puoi anche farlo suonare (magari se hai il dubbio di averlo perso) o inizializzarlo cancellando tutti i dati presenti, usando gli appositi pulsanti. Se vuoi, puoi ottenere lo stesso risultato tramite l’app Trova il mio iPhone, che puoi installare su qualsiasi dispositivo iOS e usare esattamente nella stessa maniera vista poc’anzi.

Prey per iPhone

Trova il mio iPhone è sicuramente una delle soluzioni più efficaci per rintracciare un telefono spento, ma devi sapere che, anche in questo caso, esistono delle app antifurto altrettanto efficienti da sfruttare nel caso iCloud non voglia saperne di funzionare, o se il dispositivo è stato spento e smarrito da più di ventiquattro ore. Un esempio di app antifurto gratuita per iPhone è Prey, app per iOS (ma anche per Android, macOS, Windows e Linux), che permette di rintracciare l’iPhone ricevendo, a intervalli regolari, dei resoconti dettagliati sulla posizione e sugli ultimi spostamenti dell’iPhone, il tutto tramite dei comodi messaggi email.

Infine, se hai bisogno di qualcosa di più dettagliato che ti permetta, oltre che di localizzare il telefono, anche di visualizzare le azioni che vengono compiute su di esso, posso indirizzarti al mio tutorial su come spiare un cellulare: fai però attenzione, perché tali soluzioni richiedono l’applicazione del jailbreak (cioè lo “sblocco” di iOS tramite violazione del codice del sistema operativo), pratica che va contro i Termini di Servizio di Apple, che fa decadere immediatamente la garanzia sul dispositivo e che, per altro, è anche abbastanza “pericolosa” per la sicurezza del tuo dispositivo. Inoltre, devo avvisarti che in alcuni casi le app “spia” possono essere considerate illegali: fai molta attenzione alla soluzione che deciderai di adottare!

author
Author: 
    Come cancellare le applicazioni
    Come cancellare le applicazioni
    Da quando hai acquistato uno smartphone e
    Come collegare il telefono alla macchina
    Come collegare il telefono alla macchina
    Vorresti ascoltare la musica presente sul tuo
    Come pulire il telefonino
    Come pulire il telefonino
    Secondo alcuni studi scientifici, lo smartphone ospita
    Come aumentare il volume del telefono
    Come aumentare il volume del telefono
    Hai acquistato un nuovo smartphone, sei rimasto

    Leave a reply "Come rintracciare un telefono spento"

    Must read×

    Top
    %d bloggers like this: