eCommerce, in Cina pugno duro contro i ‘furbetti’ delle recensioni online

La Cina ha varato una nuova legge per imporre pesanti ammende a quelle aziende che pubblicano annunci pubblicitari falsi sui loro prodotti nelle piattaforme di eCommerce.

 

I venditori che eliminano recensioni negative o pubblicano commenti positivi falsi dovranno pagare multe di quasi 30.000 dollari.

 

La legge varata dal governo cinese che entrerà in vigore dal 1 gennaio 2018 è la revisione di una legge per proteggere i consumatori e le imprese da pratiche di mercato sleali. entrata in vigore nel 1993 che però, a quel tempo, nessuna delle più grandi società di eCommerce della Cina – tra cui Alibaba, Tencent Holdings Ltd., Baidu Inc. e JD.com Inc. – esistevano. Dunque, mentre il commercio elettronico si è prosperato, i problemi attinenti ad esso si sono sviluppati.

 

Con la nuova legge, ora non puoi eliminare i commenti negativi o impiegare persone a lasciare buoni commenti”, ha dichiarato Christine Yiu, esperto di diritto di proprietà intellettuale e partner di Bird & Bird di Shanghai. “È un cambiamento di rotta che la Cina vuole intraprendere, rafforzando le vecchie protezioni e scoraggiando l’infrazione delle regole sul mercato elettronico”.

 

E le regole comprendono l’intera larghezza del commercio di Internet, dai prodotti, alla vendita di biglietti per eventi fino alla consegna di prodotti alimentari.

 

Le autorità cinesi stanno inoltre cercando di contrastare l’uso di una tecnica nota come “Brushing”, ovvero quando i fornitori fanno delle vendite fittizie per aumentare le posizioni o attirare più traffico su un sito web , pratica che ha afflitto il commercio online cinese per anni, dove gran parte della critica si è scagliata su Alibaba, leader del mercato cinese e mondiale.

 

La revisione di questa legge avviene ad una settimana esatta dal Singles Day, l’evento più atteso dell’anno diventato l’espressione del potere dell’ eCommerce cinese. Un festival di shopping e di intrattenimento che supera facilmente le vendite del Black Friday o del Cyber ​​Monday negli Stati Uniti.

 

Lanciato nel 2009 da Alibaba, e festeggiato ogni anno l’11 novembre, l’anno scorso i cinesi hanno speso 18 miliardi di dollari in sole 24h, facendo registrare il record di 657 milioni di ordini. Quest’anno, saranno addirittura più di 140.000 marchi, di cui 60.000 nomi internazionali, che offriranno più di 15 milioni di oggetti in vendita.

 

“Abbiamo cercato di mantenere in ordine gli interessi dei venditori e dei clienti durante la revisione della legge perché dobbiamo mantenere un ordine di mercato equo, incoraggiando l’innovazione nel cyberspazio”, ha dichiarato Yang Hongcan, direttore dell’Ufficio anti-monopoli e anti-iniquità di esecuzione della concorrenza dell’Amministrazione statale per l’industria e il commercio, al quotidiano China Daily.

author
Author: 
    Facebook, come cambiano le dirette per gli under 15
    Facebook, come cambiano le dirette per gli under 15
    Il parental control per gli utenti under
    Come risparmiare su Amazon
    Come risparmiare su Amazon
    Diventato ormai il miglior sito di shopping
    5G e AI, USA fermeranno investimenti cinesi sul mercato interno
    5G e AI, USA fermeranno investimenti cinesi sul mercato interno
    Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti
    Hosting WordPress: i migliori da usare
    Hosting WordPress: i migliori da usare
    Dietro ogni sito web di successo c’è

    Leave a reply "eCommerce, in Cina pugno duro contro i ‘furbetti’ delle recensioni online"

    Must read×

    Top
    %d bloggers like this: