Bloccare definitivamente Facebook

Il caso Cambridge Analytica è ormai sulla bocca di tutti: sono stati raccolti i dati degli utenti di Facebook sfruttandoli durante la campagna presidenziale di Donald Trump. Esiste però un modo per evitare definitivamente che Facebook raccolga i vostri dati.

Bloccare definitivamente Facebook

A seguito dello scandalo, molti utenti – soprattutto in America – hanno deciso di eliminare il proprio account Facebook, scelta che però non prevede il blocco completo di Facebook dalla propria vita. Nonostante l’eliminazione del proprio account Facebook potrà continuare a tracciare la vita degli utenti tramite tutti i siti che sfruttano le funzionalità del social network. Non solo Facebook, si estende anche a Instagram eWhatsApp, sotto il controllo della compagnia di Zuckerberg.
Esiste però un modo per evitare definitivamente che Facebook spii le vostre attività online: in soccorso arriva la rete, che tramite GitHub ha provveduto a rilasciare un semplice metodo per bloccare tutti gli URL legati al colosso statunitense. Per bloccare definitivamente Facebook sul vostro PC potete usare un firewall, che permette di impostare delle regole circa la navigazione internet, oppure modificare il file hosts di Windows. Esiste anche una procedura leggermente più complicata per smartphone – tranne iPhone, a causa delle restrizioni sulla modifica dei file di sistema imposte da Apple.

Per modificare il file hosts di Windows – è necessario un account con privilegi di amministratore – seguite questi semplici passaggi:

  • Aprite Esplora Risorse.
  • Andate su C:WINDOWSsystem32driversetc.
  • Aprite il file hosts con un editor di testo come WordPad.
  • Inserite tutti gli indirizzi contenuti su GitHub – trovate la lista completa dei link nella fonte dell’articolo.
  • Salvate e riavviate il vostro browser.

In questo modo tutti i link legati a Facebook saranno bloccati definitivamente; per riutilizzare i servizi di Facebook, dovrete rieditare il file hosts e rimuovere gli indirizzi inseriti in precedenza.

Cosa ne pensate della vicenda Cambridge Analytica e di Facebook? Fateci sapere la vostra opinione nei commenti.

Articolo di Windows Blog Italia
Fonte | GitHub