Quale Mac o MacBook comprare

In Apple, guida acquisto, iMac, macbook, Macbook Pro 19 views

Il momento dell’acquisto del primo Mac o MacBook è sempre un po’ traumatico. I conti da fare sono davvero tanti e non solo con i soldi da spendere. Nonostante i prodotti Apple di questo settore sembrino un po’ tutti uguali esteticamente, le “differenze sotto il cofano” possono essere davvero importanti. Proprio per questo motivo, tutti vorrebbero un consiglio ben ponderato su quale Mac o MacBook comprare.

In questa guida quindi, analizzeremo i vari modelli di PC prodotti da Apple, mettendone a confronto le differenze. Sia Mac che MacBook hanno un campo di utilizzo tutto loro e proprio per il loro prezzo sono particolarmente indicati per alcune categorie professionali. Non è un mistero per esempio che molti grafici li prediligano rispetto ai classici computer Windows.

Quale Mac o MacBook acquistare: fisso o portatile?

Il primo grande dilemma su quale Mac acquistare è spesso legato all’utilizzo che andremo a fare. Questa ovviamente non è una prerogativa solo dei prodotti Apple ma dei computer di tutti i produttori. Se lavorate o semplicemente utilizzate il PC in mobilità, vi servirà sicuramente un ottimo portatile da tenere sempre con voi.

Viceversa, se i vostri punti di riferimento sono casa o ufficio, utilizzare un PC fisso vi aprirà un mondo di nuove possibilità. Anche solo avere uno schermo più grande faciliterà di molto tutte le operazioni che andrete a svolgere giornalmente. Si tratta comunque di un fattore puramente soggettivo. Noi andremo a presentarvi sia Mac che MacBook, in modo che siate voi a individuare la soluzione giusta per il vostro utilizzo. 

iMac: la soluzione definitiva per la vostra postazione fissa

iMac

Gli iMac sono la controparte al mondo dei PC fissi Windows. Sfruttano la soluzione All-in-one mettendo tutta la componentistica nella scocca dello schermo e mantenendo così gli ingombri contenuti.   Questa è una filosofia che Apple ha perpetrato per diversi anni e ha dato i suoi frutti in termini di vendite. I modelli sono sostanzialmente due, uno con schermo da 21,5 pollici e uno con schermo da 27 pollici. Come vedremo fra poco però, ciò che cambia davvero è la componentistica interna. 

iMac 21,5 pollici

Si tratta della versione “base”, declinata in tre modelli e nonostante questo riesce a offrire delle prestazioni ottime, sopratutto in ambito grafico. Il display IPS ha una risoluzione fino a 4K e riesce a restituire dei colori brillanti e fedeli all’originale. I processori sono tutti della famiglia Intel i5, ciò che li differenzia è il clock e il numero dei core.

La RAM montata è pari a 8 GB espandibili in tutti e tre i casi fino a un massimo di 32 GB, mentre il disco di archiviazione è standard da 1 TB, tranne per il modello più evoluto che utilizza la soluzione Fusion Drive. Il reparto grafico invece è controllato da una scheda integrata Intel nel modello più economico. Gli altri due si affidano invece a Radeon Pro 555 2 GB e Radeon Pro 560 4 GB.

iMac 27 pollici

Il modello iMac da 27 pollici, oltre a offrire uno schermo più grande, ha una scheda tecnica decisamente più performante. Risulta perfetto per chi si occupa di grafica a livello professionale grazie al display con risoluzione 5K. Offerto anche in questo caso in tre varianti, alza decisamente l’asticella del prezzo.

I processori montati sono sempre Intel i5 di settima generazione, stavolta però con un clock maggiore. La RAM, sempre pari a 8 GB al momento dell’assemblaggio, è espandibile fino a 64 GB. Migliora molto anche il reparto video che vede Radeon Pro 570 e 575 con 4 GB dedicati sui modelli “più economici”. Il Top di gamma monta invece una scheda Radeon Pro 580 con 8 GB dedicati. Uguale per tutti è invece il disco fisso, che prevede un’unità Fusion Drive da 1 o 2 TB.

MacBook: mobilità senza confini

Se invece la vostra scelta è più orientata verso l’utilizzo in movimento, i portatili MacBook vi offrono il meglio della tecnologia attuale. A loro volta sono suddivisi in tre “sotto gruppi”, studiati specificatamente per alcuni utilizzi. MacBook Air è il modello più piccolo e più leggero, offre delle ottime prestazioni ma è poco indicato per un utilizzo professionale. 

MacBook è un gradino sopra, leggermente più pesante offre delle prestazioni di alto livello. Risulta più costoso ma decisamente più versatile. MacBook Pro è l’apice della categoria. Ha una scheda tecnica di rilievo e permette di svolgere qualsiasi operazione, anche professionale, senza il minimo indugio.

MacBook Air

macbook air 2017

Iniziamo con MacBook Air che è il modello più indicato per studenti che cercano un portatile prestante e durevole nel tempo. Si tratta del modello più compatto e leggero, perfetto per portarlo sempre con sé nello zaino. Dotato di un hardware a basso consumo, predilige l’autonomia rispetto alle prestazioni pure.

Disponibile con display da 13 pollici, monta un processore Intel i5 di medio livello, che unito agli 8 GB di RAM consentono di offrire sempre molta fluidità. Il peso di 1,4 KG è davvero basso, merito sopratutto delle soluzioni ingegneristiche adottate. La memoria montata è SSD e potrete scegliere fra 128 e 256 GB.

MacBook: ottima potenza, minimo spessore

Macbook 2017

Rispetto agli anni passati MacBook ha fatto un vero e proprio salto in avanti. Anche solo a vederlo in esposizione ci rendiamo conto che si tratta di un portatile premium di fascia alta.  Ad aumentare ancora il gap ci pensano l’introduzione dei nuovi processori Intel di settima generazione, con architettura Kaby Lake.

Per quanto riguarda memoria e archiviazione invece, la RAM è pari a 8 GB, aumentabili solo in fase di configurazione sul sito ufficiale Apple. Ottima invece la scelta di proporre due modelli di SSD, da 256 o 512 GB. Per concludere troviamo un’unico display da 12 pollici.

MacBook Pro Retina Display: nulla va oltre

MacBook Pro touch bar

Se cercate il Top di Gamma in casa Apple siete arrivati al paragrafo giusto. MacBook Pro con Retina Display è infatti il miglior portatile di Cupertino, quest’anno con una caratteristica extra: la Touch Bar! Si tratta di un prodotto pensato per non offrire compromessi. Il modello da 13” risulta un ottimo compagno di viaggio mentre quello da 15” va benissimo anche per compiere qualche lavoro di grafica ed editing video, grazie alla presenza di una scheda video dedicata e del processore di fascia superiore.

Sui modelli da 13 pollici “base”, oltre alla presenza di processori Intel i5 e troverete 8 GB di RAM e SSD da 128 GB. La GPU sarà di tipo Intel Iris integrata. Le versioni con Touch Bar invece montano processori Intel i7 con 16 GB di RAM, SSD da 256 GB e GPU Radeon Pro 555 o 560.

I fratelli maggiori da 15 pollici invece contano molto più sulla potenza. Oltre allo schermo più grande e più definito troverete infatti una scheda video dedicata che farà la differenza nei lavori più esigenti. Ovviamente il prezzo sale, in rapporto al valore della scheda tecnica.

Mac Pro

Mac Pro

Il nome Mac Pro sarà forse sconosciuto alla maggior parte degli utenti, ma si tratta in realtà del PC più potente realizzato da Apple. A differenza degli altri modelli si tratta di un prodotto pensato esclusivamente per la parte professionale e di conseguenza monta un hardware molto più performante.

A bordo troverete un processore Intel Xeon E5, affiancato da 16 GB di RAM e ben due GPU AMD Fire PRO, con 3 GB di memoria dedicata per ciascuna. Inutile dire che è consigliato per chi si occupa a livello professionale di composizione musicale, editing video e foto. Se deve essere soltanto uno sfizio forse è meglio che vi orientiate su altro.

Mac Mini: il più piccolo di casa Apple

Mac Mini

Non poteva mancare un prodotto Apple anche nel mondo dei Mini-PC e Mac Mini ne è l’esponente di punta. Studiato e realizzato per contenere al massimo gli ingombri, ha tutto ciò che serve (schermo escluso) per lasciarvi compiere tutte le vostre operazioni giornaliere.

Disponibile in tre versioni, quella entry level è dedicata ad un utilizzo blando, come navigazione, scrittura e streaming. Gli altri due modelli invece possono sopportare anche un carico di lavoro medio grazie alla discreta GPU Intel Iris, con processore anch’esso Intel e 8 GB di RAM a disposizione.

Come risparmiare sull’acquisto di un Mac

Ora che avete scoperto praticamente tutti i prezzi di iMac e MacBook forse siete rimasti un po’ interdetti dal loro costo. Sappiate però che esiste un metodo estremamente semplice per risparmiare sul loro acquisto. Se ci leggete forse vi sarete accorti che parliamo spesso di prodotti ricondizionati. Acquistare un prodotto Apple rigenerato può portarvi un risparmio di almeno il 20% rispetto al nuovo.

Inoltre, espandendo i vostri orizzonti anche verso i portatili Windows di fascia alta, avrete un riassunto molto più realistico del mercato attuale.

Conclusioni

Scegliere quale Mac o MacBook acquistare non è affatto un compito semplice. I modelli disponibili sono davvero tanti e a primo acchito può essere difficile capirne le differenze. Se quindi volete scegliere senza rimorsi il vostro prossimo PC Apple, questa guida è stata studiata appositamente per voi. Non dimenticate di seguire anche la nostra pagina Facebook per rimanere sempre aggiornati su tutte quelle che sono le ultime news da mondo della tecnologia.

author
Author: 
    iPhone X Non Si Accende: Cosa Fare?
    iPhone X Non Si Accende: Cosa Fare?
    SEGUI il canale Telegram Offerte di YourLifeUpdated:
    Direct from Instagram: un’app per i messaggi diretti
    Direct from Instagram: un’app per i messaggi diretti
    La nuova app di Instagram dedicata esclusivamente
    Come rintracciare iPhone spento
    Come rintracciare iPhone spento
    Avete smarrito il vostro iPhone in chissà

    Leave a reply "Quale Mac o MacBook comprare"

    Must read×

    Top
    %d bloggers like this: