Ufficiale: La Russia Blocca Le VPN Da Novembre 2017!

In News 56 views
SEGUI il canale Telegram Offerte di YourLifeUpdated: sconti esclusivi su Amazon e Gearbest ogni giorno selezionati per te! 

Russia, giro di vite su internet: stop a VPN e server proxy. Blocco delle Vpn in Russia: cosa cambia realmente su Internet?

Vietate le VPN in Russia

Come avevamo anticipato in un nostro precedente articolo, da oggi entra in vigore la legge che limita l’uso dei servizi che consentono di navigare in rete anonimamente in Russia, cioè le VPN e i proxy in pratica. 

E’ chiaro che con questa nuova mossa la Russia stringe ulteriormente la morsa su Internet, bloccando tutte le VPN (virtual private network, reti di telecomunicazioni private) e i “server proxy”, con l’obiettivo di proibire l’accesso a contenuti “illegali” e prevenire attività terroristiche.

Come funziona il blocco

Se ancora non sai a cosa servono VPN e proxy, senza entrare troppo nello specifico ti posso dire che questi strumenti servono per accedere a siti bloccati nascondendo l’indirizzo IP, ossia la propria identità digitale, e l’ubicazione reale. Hai presente tutti i siti bloccati e oscurati in Italia o in altri Paesi del mondo? Ecco, con le VPN puoi superare i blocchi nazionali e accedere comunque a quei siti e portali che altrimenti non sarebbero accessibili.

In realtà però fanno anche molto altro e ad esempio permettono di navigare su internet sicuri, anonimi e protetti da qualsiasi attacco hacker: tutti i dati che trasmetti su internet tramite VPN sono infatti criptati e incanalati in un tunnel sicuro (da qui il nome VPN) e inattaccabile, garantendo la massima sicurezza ad esempio ai tuoi acquisti online.

Insomma, i vantaggi delle VPN sono tantissimi e non necessariamente legati a scopi illeciti. Anzi, spesso e volentieri le VPN si usano proprio per aumentare la sicurezza della connessione internet.

Nello stesso tempo però questi strumenti sono molto popolari nei Paesi che tengono sotto stretto controllo le comunicazioni telematiche, come Russia e Cina appunto.

In Cina, però, ormai da tempo le VPN sono state completamente bloccate e rese non funzionanti dal Governo.

In Russia, invece, le VPN funzionano ancora, ma secondo la nuova normativa i servizi VPN sono obbligati a registrarsi presso l’Authority russa sulle telecomunicazioni Roskomnadzor entro 30 giorni, pena il blocco, e soprattutto devono impedire l’accesso ai siti nella lista nera entro 3 giorni.

La legge russa, almeno per il momento, non prevede un bando diretto di VPN e proxy, ma impedisce di usarli per accedere a siti vietati, rendendole di fatto parzialmente inutili, visto che comunque viene meno uno dei vantaggi più interessanti offerti da questi strumenti.

In pratica le VPN in Russia si possono ancora usare, ma non per accedere ai siti che il governo vuole bloccare. E la censura russa è servita: tutti i siti che il Governo russo ritiene illegali vengono oscurati nel Paese e nemmeno con VPN si possono usare.

I timori

E’ chiaro che in questo modo le autorità russe hanno un potere incredibile: basta un ordine per bloccare l’accesso in tutto il Paese ai “contenuti illegali”, come ad esempio già figura il social network LinkedIn.

E come per magia in pochissimo tempo il Governo russo può evitare che i cittadini accedano a siti “non grati” al governo.

E non dimentichiamo che il tutto avviene, casualmente, a cinque mesi dalle elezioni. Una semplice coincidenza? Non credo.

Intanto per Amnesty International il provvedimento costituisce un altro “attentato alla libertà su Internet” ed è difficile dare torto all’organizzazione. Non dimentichiamo infatti che in Russia i siti web sono già obbligati ad archiviare i dati degli utenti su server collocati entro i confini della Federazione e a fornire, su richiesta delle autorità, le chiavi per decodificare le comunicazioni crittografate.

La Russia vieta i sistemi anti censura: banditi VPN e server proxy

Sono d’accordo sul fatto che il mondo di internet non possa essere il Far West, ma nello stesso tempo bisogna evitare un controllo eccessivo e non limitare le libertà degli utenti sul web.

Anche perché non dimentichiamo che in tutto questo ci rimettono anche tutti i turisti e i viaggiatori che, una volta arrivati in Russia, non potranno più accedere ai loro siti “preferiti”, che magari per qualche motivo sono bloccati e oscurati in Russia.


Non perdere nessuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale:
author
Author: 
    Apple guadagna oltre 1200 euro al secondo
    Apple guadagna oltre 1200 euro al secondo
    Secondo i dati del 2016, Apple guadagna
    Milan, sorpresa per il dopo Donnarumma. In Spagna: “Tutto fatto”
    Milan, sorpresa per il dopo Donnarumma. In Spagna: “Tutto fatto”
    Gigio Donnarumma potrebbe davvero lasciare il Milan,
    Lasagna, tra l’infortunio e una previsione: “Occhio Inter, ti segno”
    Lasagna, tra l’infortunio e una previsione: “Occhio Inter, ti segno”
    L’infortunio accusato alla coscia non è eccessivamente
    Wind Tre con Qualcomm e ZTE per diffondere il 5G in Italia
    Wind Tre con Qualcomm e ZTE per diffondere il 5G in Italia
    Qualcomm, ZTE e Wind Tre annunciano collaborazione

    Leave a reply "Ufficiale: La Russia Blocca Le VPN Da Novembre 2017!"

    Must read×

    Top
    %d bloggers like this: